Bussolati: R. Lombardia fermi Trenord che vuole soldi da pendolari

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 1 feb. (askanews) - L'assessora alle Infrastrutture e ai Trasporti di Regione Lombardia, Claudia Maria Terzi, "intervenga su Trenord che chiede soldi ai pendolari perché osano ironizzare sul servizio". Lo chiede il consigliere regionale lombardo del Pd, Pietro Bussolati, "che stigmatizza il comportamento della società di trasporto che ha chiesto 10mila euro di danni al comitato di pendolari 'Mi.Mo.Al', reo di aver ironizzato su un video di Trenord per le feste di Natale in cui si decantava il servizio".

"Siamo all'assurdo, Trenord, non paga di fornire ogni giorno un pessimo servizio come denunciato in tante occasioni, pretende di vietare il diritto di satira" ha dichiarato Bussolati, spiegando che "è la prima volta che una società di trasporti chiede soldi di risarcimento ai propri utenti perché osano metterne in discussione il servizio". "L'assessore Terzi intervenga e fermi Trenord - ha concluso - in caso contrario si rende complice di un comportamento che lede, oltre che il diritto di satira, ogni principio di buon senso".