C-Roads Italy, Stellantis presenta i risultati della sperimentazione V2X

·1 minuto per la lettura

Il centro ricerche di Stellantis (CRF) ha partecipato alla conferenza che si è svolta ieri a Trento sui risultati raggiunti dal progetto C-Roads Italy, congiuntamente alla piattaforma europea, evidenziando ciò che è stato realizzato per lo sviluppo e l’implementazione di Cooperative Intelligent Transport Systems (C-ITS) armonizzati ed interoperabili che permettono la comunicazione tra i veicoli ed infrastruttura stradale in tutta Europa (V2X).

C-Roads Italy garantisce la continuità dei servizi cooperativi tra gli stati membri e gli operatori stradali, contribuendo ad un sistema di trasporto sostenibile in termini di impatto economico, ambientale e sociale e al contempo migliorare la sicurezza stradale, aumentare l’efficienza dell’uso delle infrastrutture stradali, la gestione del traffico e l’interoperabilità dei servizi di trasporto sia per i passeggeri che per le merci. Stellantis ha presentato i risultati della sperimentazione di particolari funzionalità innovative per la gestione dei veicoli connessi e autonomi (Highway Chauffeur) su cui si è concentrato il CRF allestendo prototipi di Maserati Ghibli e Fiat 500X. I cui test sono a tutt’oggi ancora in corso. Highway Chauffeur (Livello 3 SAE) è la funzionalità di automazione dei veicoli che permette di regolare la velocità, mantenere la traiettoria ed effettuare il cambio corsia in modo automatico.

I sistemi prototipali sulle vetture cooperative sono stati sperimentati in una serie di casi d’uso che vanno dalla segnalazione di eventi stradali imprevisti, agli scenari cooperativi tra auto passeggeri a quelli più complessi di manovre tra auto passeggeri e mezzi pesanti in condizioni eccezionali quali il restringimento corsia per lavori in corso.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli