A Cabras la spesa si fa con una scheda. Misura "contro i furbetti"

Marco Enna

Fare la spesa al supermarket non più di due volte alla settimana con tanto di tesserina, per verificare il rispetto della disposizione, e rigorosamente con la mascherina. È quanto ha previsto il sindaco Andrea Abis, a Cabras, nell'Oristanese, dove si sono registrati tre casi di coronavirus negli ultimi giorni e dove sono scattate una serie di misure per contenere il contagio dal virus Covid-19.

La cartella della spesa”, spiega il primo cittadino, “dovrà essere timbrata alla cassa prima del pagamento. E periodicamente i supermarket dovranno comunicare al Comune la lista degli acquirenti. La scheda sarà a disposizione all'ingresso ma potrà anche essere scaricata dal sito del Comune e compilata in anticipo, per guadagnare tempo”.

La scheda è personale e unica per tutti i supermarket locali. Spiega ancora il sindaco: “Contiene nome e cognome del titolare che la usa. Per ogni nucleo familiare è possibile avere al massimo due cartelle, intestate a due persone diverse”.  

Stamane il via al nuovo sistema ha causato un po' di incertezze davanti ai supermercati del paese, noto per le bellissime spiagge del Sinis e per i Giganti di Mont'e Prama.

Le difficoltà maggiori per le persone anziane, alcune delle quali hanno riportato alla mente le cosiddette 'tessere annonarie', utilizzate durante la seconda guerra mondiale per la distribuzione dei beni di prima necessità. 

“È possibile usare la propria cartella anche per fare la spesa destinata a un'altra persona, ad esempio proprio una persona anziana”, avvertono al Comune di Cabras. “Se si assiste un parente è sufficiente inserire il proprio nome nell'apposita casella di delega della cartella della spesa della persona assistita”.

La spesa può essere fatta anche in supermarket diversi, ma sempre nel limite di due volte a settimana. "Importante specificare che la regola della spesa due volte alla settimana si applica ai soli ai supermarket e non agli altri esercizi commerciali”.

L'ordinanza del sindaco di Cabras impone l'uso della mascherina per chi va a fare la spesa e per numerose situazioni in cui è possibile entrare in contatto con altre persone, per strada o in ambienti chiusi. Chi non dispone di mascherine è invitato a richiedere al proprio supermercato la consegna a domicilio della spesa.

Il Comune nei giorni scorsi ha lanciato anche un'iniziativa per il confezionamento di mascherine da parte dei volontari, ai quali viene fornito il materiale. Hanno risposto alcune centinaia di persone e le prime mascherine sono già in distribuzione tra gli abitanti.