Caccia, Consiglio lombardo boccia censura ad assessore Lega Rolfi

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 2 nov. (askanews) - La maggioranza di centrodestra al Consiglio regionale della Lombardia ha respinto la mozione di censura contro l'assessore leghista all'Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi, Fabio Rolfi, appoggiata da tutta l'opposizione.

"Chiedevamo un voto coerente, chiaro e corretto, dopo tre anni di cattiva gestione di cui sono chiare le responsabilità politiche di questa maggioranza e invece, per mera convenienza elettorale, la stessa maggioranza che ha pubblicamente contestato l'operato dell'assessore Rolfi, ha votato contro la nostra mozione. È la doppia morale del centrodestra, che oggi in Aula ha offerto uno spettacolo indegno, fatto di litigiosità, frasi fatte e contraddizioni". Questo il commento alla bocciatura fatto dal consigliere regionale del M5S, Simone Verni (primo firmatario della mozione), spiegando che questa mattina "non si trattava di essere favorevoli o contrari alla caccia, si trattava di porre rimedio a una serie di errori amministrativi e politici commessi da questa Giunta: errori messi nero su bianco da diverse sentenze dei tribunali amministrativi". "Se il centrodestra fosse stato coerente con quanto dichiarato e avesse avuto davvero il coraggio di migliorare le regole per il mondo venatorio, avrebbe dovuto sostenere e votare questa mozione" ha continuato Verni, sottolineando che "non si trattava di un atto politico ma di un atto di dignità scritto in seguito ai gravi e imbarazzanti errori dell'assessorato".

Sulla bocciatura della mozione è intervenuto anche il consigliere regionale di Azione, Niccolò Carretta. "Ho sentito, in Aula, parole di stima e gratitudine per un assessore che, in sedi informali, è stato criticato duramente dalla sua stessa maggioranza. Un opportunismo politico che sa tanto di vera presa in giro nei confronti di tutti i lombardi, ma soprattutto di quei cacciatori che Lega e la Destra credono di rappresentare" ha affermato, evidenziando che "fuori dal palazzo sono lupi, dentro, quando devono fare il loro mestiere, diventano degli agnelli: il voto di oggi certifica che a tutta la maggioranza, FdI e Lega compresi, vanno benissimo le politiche e le modalità che si stanno mettendo in campo per gestire le questioni venatorie".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli