Cacciari:con un Conte-Di Maio bis possibili dimissioni Zingaretti

Tor

Roma, 27 ago. (askanews) - "Cosa doveva fare, Zingaretti? Zingaretti ha tutti contro da D'Alema, a Renzi passando per Rifondazione Comunista, l'Europa, poi la Chiesa; chi è, che non ha contro? Tutti spingono in quella direzione. Se passa il Conte-bis/Di Maio cioè cose inenarrabili, penso che Zingaretti in quel senso, un pensierino lo farà sulle sue eventuali dimissioni. Zingaretti fa quello che può, lo comprendo, lo compatisco, soffro con lui ma capisco benissimo che possano farcela alla fine a tenere. Lui ha cominciato dicendo chiaramente, onestamente: si va a votare". Lo ha affermato Massimo Cacciari, parlando a Radio Cusano Campus.

È possibile costruire un rapporto politico vero tra PD e 5 Stelle? "Può darsi, ma attraverso che cosa? Conte - ha risposto Cacciari- che è l'uomo aperto e disponibile a tutto, con un bel sorriso, dice "Sono qua, chi mi vuole, chi mi ama?". Questi sono la negazione delle tecniche della Politica. L'altro, Di Maio, avrebbe voluto distrattamente restare con il suo amico Salvini, è lì che neanche cita il Partito Democratico, non parla della trattativa con il PD: sono degli ignoti, con i quali sta parlando e coi quali dovrebbe fare il Governo". E' abbastanza logorante che i 5 Stelle dicano: "La nostra pazienza ha un limite"! C'è una maggioranza ampia, del PD, che dice "Basta che se magna". E poi ci sono anche delle posizioni serie, per carità.

Anche in caso di accordo poi ci sarebbe il voto sulla piattaforma Rosseau che potrebbe far saltare tutto. "Ma lasciate stare la pagliacciata della Piattaforma Rousseau. Gli fanno dire quello che vogliono: le domande le decidono loro, le risposte le selezionano loro. Di quale trasparenza parliamo? Quale attendibilità - ha domandato Cacciari- può avere un risultato del genere? Ma per carità di Dio!".

Salvini era sicuro che il PD avrebbe chiesto il voto. "Salvini le ha sbagliate tutte soprattutto ha drammaticamente sbagliato nel fare marcia indietro perché si è sputtanato lui. Qualche volta anche gli avversari politici dovrebbero leggere quello che dico, perché dopo aver presentato la sfiducia a Conte si capiva come sarebbero andate le cose. E prevedevo, lo dissi il giorno dopo, che Salvini ritirasse la sfiducia".

Il fattore Renzi. "Non è il fattore Renzi come tale. Devono rendersi conto che il Partito Democratico è un partito mai nato. Come ho predicato da 10 anni a questa parte, la devono far finita con il tentativo di tenere insieme delle persone che si odiano anche personalmente, oltre a non avere niente, culturalmente, in comune. Che Renzi faccia il suo Macron, il suo Macronino: che gli altri cerchino davvero di tenere, su una posizione socialdemocratica seria, responsabile. Poi faranno, insieme, il Centrosinistra. Il disegno iniziale del Pd è fallito nel momento delle dimissioni di Veltroni, è fallito lì: è inutile continuare in questa respirazione affannata bocca a bocca. Anche Zingaretti lo deve capire, e ripartire, in qualche modo".

Emilia Romagna e fine del Pd. "Il grande rischio per il Pd si chiama Emilia Romagna. E' lì, la battaglia campale, perché se vince la Lega in Emilia Romagna, il discorso della Sinistra italiana è chiuso per due generazioni", ha concluso Cacciario