Cacciari: "Responsabilità 'morale' di Kirill? C'è un nemico di fronte a un altro nemico"

(Adnkronos) - "Bisognerebbe conoscere la storia della chiesa ortodossa russa. Ma capisco che siamo in guerra, e c’è un nemico di fronte a un altro nemico". Così all'Adnkronos Massimo Cacciari, sulla responsabilità morale del patriarca di Mosca Kirill nella guerra in Ucraina, inserito dalla Ue fra i 68 nuovi nomi di una lista nera in via di approvazione nella quale compaiono i macellai di Bucha e di Mariupol, in quanto "responsabile del sostegno o dell'attuazione di azioni o politiche che minano o minacciano l'integrità territoriale, la sovranità e l'indipendenza dell'Ucraina, nonché la stabilità e la sicurezza nel Paese".

Kirill è uno dei più importanti sostenitori dell'aggressione militare russa contro l'Ucraina, ma può Bruxelles considerarlo alla stregua di responsabili di crimini atroci? Secondo il filosofo, assistiamo a una presa di posizione tipica di ogni schieramento in guerra. Ma, avverte, "prima ancora di qualsiasi responsabilità morale, conta la storia, in questo caso della chiesa ortodossa russa, ed è dunque inutile rispondere, dato che in questo campo prevale l'ignoranza".

(di Cristiano Camera)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli