Cacciato perché dipinge in piazza San Marco, ma ecco chi è

Nato a Londra il 26 dicembre 1932, Ken Howard ha studiato all’Hornsey College of Art e al Royal College of Art. Accademico reale dal ’93 fino al 2003 è stato presidente del New English Art Club. (Credits – Instagram)

Ha messo il suo cavalletto in piazza San Marco, sotto l’ala napoleonica delle Procuratie, e ha iniziato a dipingere. A un certo punto, però, ecco che arrivano i vigili urbani e gli intimano di andarsene. Lui, infatti, non ha i permessi per dipingere in piazza, come invece hanno coloro che vendono ritratti, caricature o panoramiche di Venezia ai turisti.

Nulla di strano, se l’artista cacciato non fosse un pittore qualunque, a Venezia per fare due soldi. Lui è Ken Howard, un pittore inglese di fama internazionale che da anni si reca in vacanza a Venezia proprio per immortalarne su tela gli angoli più belli. “Mio marito ha 86 anni, per lui è una fatica smontare cavalletto e attrezzatura. Ci è rimasto molto male. In tanti anni non gli era mai successa una cosa di questo tipo” ha dichiarato a La Nuova Venezia Dora Bertolutti, la moglie di Howard.

“Sono intervenuti e gli hanno detto che lì non poteva stare. Ha cercato di resistere, di spiegare le sue ragioni ma non c’è stato verso. L’hanno fatto alzare. Non era affatto contento. Finora non c’erano mai stati problemi di questo tipo. Non so se siano regole per la sicurezza o per cos’altro. Certo è che adesso è cambiata la musica” conclude la moglie dell’artista che ha denunciato l’accaduto anche sui social, scatenando polemiche.

Perché, come detto, Ken Howard non è un artista di strada qualunque, ma un artista famoso e stimato. Nato a Londra il 26 dicembre 1932 e ha studiato all’Hornsey College of Art e al Royal College of Art. Accademico reale dal ’93 e ufficiale dell’Impero Britannico dal 2010, Ken Howard fino al 2003 è stato presidente del New English Art Club, fa inoltre parte del Royal Institute of oil painters e della Royal Society of British Artists, di cui è membro onorario.