Cadavere fatto a pezzi in un canale, arrestata la moglie: “Ho usato l’accetta”

Cadavere fatto a pezzi in un canale, arrestata la moglie: “Ho usato l’accetta”
Cadavere fatto a pezzi in un canale, arrestata la moglie: “Ho usato l’accetta”

I carabinieri di Rovigo hanno arrestato la moglie del 72enne il cui corpo era stato tagliato a pezzi e gettato nel canale Adigetto, a Villanova del Ghebbo, in provincia di Rovigo. I resti dell' uomo, chiusi in sacchi per l'immondizia, erano stati recuperati fra il 28 e 30 luglio.

LEGGI ANCHE: Liliana Resinovich, spunta l’ipotesi del congelamento del cadavere

I figli adulti della vittima, Shefti Kurti, di cittadinanza albanese, avevano denunciato la scomparsa. Poi la confessione della moglie 68enne, che ha ammesso di aver tolto la vita al marito con un’accetta, all’interno della loro abitazione, e di avere poi smembrato il corpo in bagno. Quindi ha raccontato di aver nascosto i resti dentro sacchetti della spazzatura che ha infine gettato nel fiume 'Adigetto', distante poche centinaia di metri dalla sua abitazione.

LEGGI ANCHE: Si infittisce il giallo del cadavere del Po: il corpo è decapitato

La donna, sul cui stato mentale la Procura ha disposto accertamenti, è accusata di omicidio aggravato e distruzione e soppressione di cadavere del marito ed è ora piantonata nel Reparto di Psichiatria dell'ospedale di Rovigo.

LEGGI ANCHE: Empoli, spunta cadavere da container per raccolta differenziata

GUARDA ANCHE: Cadavere a pezzi in un canale a Rovigo, arrestata la moglie