Caduta di stile per un programma televisivo

·2 minuto per la lettura
Sondaggio Rai
Sondaggio Rai

Un sondaggio Rai sulle donne ha scatenato la polemica. Federconsumatori ha chiesto l’intervento della Commissione di Vigilanza. Non è la prima volta che la Rai commette una caduta di stile come questa.

Sondaggio Rai sulle donne: la classifica fa discutere

La Rai ci è ricascata. Tempo fa aveva fatto discutere il tutoria sexy per fare la spesa, questa volta a scatenare la polemica è stato un sondaggio sulle donne, su Top 10, trasmissione condotta da Carlo Conti su Rai1. In studio erano presenti due squadre: Principesse contro Pacchisti. La prima composta da Caterina Balivo, Emanuela Aureli e Andrea Delogu, mentre la seconda da Pupo, Max Giusti e Flavio Insinna. Ai concorrenti è stato chiesto di indovinare la classifica basata sul sondaggio “Cosa fanno le donne meglio degli uomini”. Secondo questo sondaggio al primo posto ci sarebbe “la cura della casa“, seguita da “fare più cose insieme” e “prendersi cura degli altri“. Queste risposte hanno lasciato perplessi anche gli ospiti in studio, che proponevano risposte come “studiare” o “lavorare“.

Alla fine della trasmissione il sondaggio continua a lasciare perplessi e a far discutere. La deputata del M5s Stefania Ascari ha voluto dire la sua. “Dopo Pillon che ci dice che le donne sono fatte per accudire e non per la scienza, ecco che neanche la #Rai ci risparmia i soliti squallidi stereotipi di genere in prima serata. Trasmissione Top Ten, Rai 1. È questo il livello del servizio pubblico? È per questa roba qui che paghiamo il canone? Che schifo” ha scritto la deputata.

Sondaggio Rai: la richiesta di Federconsumatori

Il servizio pubblico radiotelevisivo ha segnato un’altra triste pagina dello spettacolo all’insegna del sessismo. Nel corso dello show Top Dieci di Rai1 sono stati mostrati i risultati di una sorta di sondaggio finalizzato ad evidenziare ‘le cose che le donne fanno meglio degli uomini’, le cui risposte includevano opzioni come ‘cucinare’, ‘prendersi cura degli altri’, ‘esprimere sentimenti ed emozioni’ e ‘curare la casa’: in pratica un concentrato di luoghi comuni, stereotipi e maschilismo” si legge in una nota di Federconsumatori, che ha deciso di intervenire sulla questione. Richiesto l’intervento del Consiglio Nazionale degli Utenti dell’Agcom e della Commissione di Vigilanza Rai. Erano già stati chiesti provvedimenti quando era andato in onda il tutorial sexy per fare la spese, ma la Rai continua ogni tanto a tirare fuori questi siparietti pieni di luoghi comuni a volte anche molto offensivi.

Sondaggio Rai sulle donne: la nota di Federconsumatori

La nostra società è ancora lontana dal raggiungimento della reale parità fra i sessi e ogni giorno assistiamo a comportamenti discriminatori basati su gravi pregiudizi sulle donne. Uno degli esempi più recenti è costituito dalle discutibili dichiarazioni del senatore Pillon sulla scarsa predisposizione delle donne verso le materie scientifiche. La Rai deve erogare un servizio pubblico che rispetti precisi criteri di qualità. Anche il contratto di servizio sancisce che vanno promossi una società equa, inclusiva, solidale e rispettosa della diversità, la diffusione di informazioni volte a formare una cultura della legalità, il rispetto della diversità di genere e di orientamento sessuale, la promozione e la valorizzazione della famiglia, delle pari opportunità, del rispetto della persona, della convivenza civile, del contrasto ad ogni forma di violenza” è la nota scritta da Federconsumatori, che ha deciso di intervenire sulla questione dopo che è scoppiata un’accesa polemica sul web.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli