“Caffè pagati” al comune di Ancona

Un vero tsunami giudiziario quello che si è abbattuto sul comune di Ancona, che ha portato all'arresto di Simone Bonci, geometra di 40 anni dipendente comunale, e al fermo di quattro imprenditori attivi nel settore edilizio. E' il risultato di una indagine partita nel 2018 tramite la quale la procura di Ancona ha voluto fare chiarezza riguardo alcuni lavori eseguiti e non che erano stati pagati dal comune. Ne è emerso una specie di cartello degli appalti che assegnava i lavori alle solite aziende “amiche”. Cruciali nell'inchiesta le intercettazioni che hanno incastrato il geometra nelle quali si parla di “caffè pagati” e di “cappuccini in arrivo” in riferimento agli appalti.