A Cagliari apre la prima biblioteca d'Italia in un aeroporto

·1 minuto per la lettura

AGI All'aeroporto di Elmas, nel Sud Sardegna, si viaggia (anche) immersi tra le pagine dei libri. Raccoglie circa mille volumi, tra storia, narrativa, tradizioni 'Cagliari airport library' biblioteca inaugurata nello scalo di Elmas, la prima in un aeroporto italiano e fra le poche in Europa. Nella sala dell'area partenze si possono sfogliare i libri, prenderli in prestito per un mese o accettare uno 'scambio', lasciando quello che si è terminato di leggere e scegliendone uno 'sconosciuto' al book sharing.

 Molti volumi "sono stati donati dalle case editrici" cui è stato presentato il progetto, ha spiegato Renato Branca, amministratore delegato di Sogaer (la società di gestione dell'aeroporto), durante la cerimonia d'inaugurazione dello spazio. "Ci impegneremo perché la biblioteca diventi un punto d'incontro e scambio culturale", ha assicurato Branca, con riferimento a mostre ed esposizioni che la nuova sala potrà ospitare.

Il traffico aereo riprende dopo il crollo del 2020

Dopo un anno difficile per il traffico aereo a causa della pandemia, che ha segnato nel 2020 "un -75% rispetto al 2019", ha ricordato Alessio Quaranta, direttore generale Enac, "e -98% tra marzo e maggio 2020, da qualche settimana c'è una ripresa del traffico". La biblioteca aperta in uno scalo aeroportuale rappresenta un "messaggio positivo per la ripartenza", ha aggiunto, auspicando che "altre realtà' seguano questo esempio". La 'primogenitura' a livello nazionale è stata evidenziata dall'assessore regionale al Turismo Gianni Chessa: "Dobbiamo abituarci a essere i primi, promuoviamo unicità, dobbiamo ripartire dalla nostra cultura, le tradizioni, e dalla lettura".

"La biblioteca", ha ricordato Laura Fortuna, della Fondazione Siotto, "è aperta tutti i giorni dalle 11 alle 13". 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli