Cagliari, fratelli scomparsi: il giallo del sangue

webinfo@adnkronos.com

E umano il sangue ritrovato poco distante dalla casa di Massimiliano e Davide Mirabello, 35 e 40 anni, i due fratelli di San Gregorio d'Ippona (Vibo Valentia) scomparsi domenica scorsa a Dolianova (Cagliari) e di cui non si ha più nessuna notizia. Per il momento non si sa ancora a chi appartenga. Lo rivela l'Unione Sarda. In mattinata gli inquirenti hanno sentito numerosi testimoni, ma dei due fratelli ancora nessuna traccia. A parte le forze dell'ordine e gli uomini del reparto Cacciatori di Sardegna coi loro cani, a setacciare la zona sono anche amici e parenti di Massimiliano e Davide. La ricerca aveva portato anche al ritrovamento di un paio di guanti che sembravano imbrattati di sangue, ma in realtà si trattava di vernice.  

La loro auto, poche ore dopo la scomparsa, era stata trovata bruciata nelle campagne del centro cagliaritano. I due fratelli, secondo le testimonianze dei familiari, prima di scomparire avevano avuto dissidi con un vicino, e insieme avevano deciso di recarsi a casa sua per chiarire l'episodio.