Caiazza (Penalisti): "con Cartabia termina epoca giustizialismo populista a via Arenula"

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

La nomina alla guida del dicastero di via Arenula di Marta Cartabia, "persona di sicura formazione e aderenza ai principi costituzionali, non fosse altro perché già presidente della Consulta", segna "la fine di un'epoca: il termine del giustizialismo populista alla guida del Ministero della Giustizia. Non possiamo che salutarla con grande soddisfazione, esprimendo l'augurio che a queste premesse tutte positive seguano anche fatti concreti". Lo dice all'Adnkronos Gian Domenico Caiazza, presidente dell'Unione Camere Penali Italiane, esprimendo "grande preoccupazione che, per evitare temi divisivi interni alla maggioranza, possano essere accantonate le questioni che attengono al processo penale ed alla prescrizione".

"Guardiamo con timore a questa strana aria che tira - prosegue - Noi speriamo che questo non accada. I temi vanno affrontati per l'urgenza che hanno e la rilevanza che hanno; non per evitare che qualcuno all'interno di questa maggioranza composita possa sentirsi sminuito. Noi chiederemo alla ministra Cartabia che ci voglia quanto prima ricevere, per esprimere personalmente il nostro augurio di buon lavoro e spiegarle quelle che secondo i penalisti italiani sono le priorità: che l'azione del governo possa essere ispirata ai principi liberali e costituzionali del giusto processo".

(di Roberta Lanzara)