Cala il sipario sul Jova beach party: in 60mila a Bresso salutano l’estate

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 11 set. (askanews) - Alle 23.30 di sabato 10 settembre si sono spente le luci sul Jova beach party, il gigantesco spettacolo itinerante di Lorenzo Jovanotti che quest'estate ha fatto ballare sulle spiagge italiane - e non solo - oltre 550mila persone. All'ultima chiamata del Volo JBP 2022 al campovolo di Bresso alle porte di Milano, si sono presentati circa 60mila fan del rapper di E' qui la festa, per salutare l'estate così, con oltre 9 ore di musica e balli e sorrisi. Sulla terra battuta dello scalo milanese "il popolo" del Jova beach party - gente di tutte le età: fan della prima ora, genitori con i figli, giovani e giovanissimi - ha cominciato ad arrivare fin dall'ora di pranzo, accampandosi con coperte da pic nic, zaini e tanta voglia di divertirsi. Una voglia che non è andata delusa. Jovanotti, dopo un'incursione nel pomeriggio, è salito sul palco poco prima delle 20 sulle note del tormentone estivo I love you baby e con un'energia inesauribile ha animato la serata per oltre 3 ore, sotto lo sguardo luminoso della luna piena: fino alle 23.30 vecchi cavalli di battaglia si sono alternati alle ultime uscite con incursioni nel repertorio più celebre degli ospiti della serata, Tommaso Paradiso, Elisa, Gianni Morandi, Raf e Rkomi che lo hanno affiancato sul palco. Una festa gigantesca, "una cosa da matti", come l'ha definita il cantante nei ringraziamenti finali alla "ciurma" che lo ha accompagnato nelle 21 tappe dell'estate italiana, capace di regalare momenti di grande divertimento, fuori programma come "il salto del Rovazzi" da parte del campione di salto in alto Gianmarco Tamberi e non poche emozioni. Intensa l'interpretazione di Le tasche piene di sassi con lo sguardo commosso di Lorenzo Jovanotti, la dedica di Ragazza Magica alla moglie Francesca sempre dietro le quinte e gli abbracci con lei e la figlia Teresa, anche lei una presenza costante del tour estivo: "Mi voltavo e vi vedevo - ha detto loro a fine serata - e questa cosa mi faceva impazzire, siamo come una di quelle famiglie del circo". Nessun accenno alle polemiche che in alcune tappe il tour si è trascinato dietro, per le conseguenze ambientali di questo show itinerante sulle spiagge. Quel "Mormora, la gente mormora, falla tacere praticando l'allegria", suona ora un po' come la risposta, o se non altro lo spirito con cui Jovanotti ha portato avanti in tutti questi mesi il tour. E ora che il sipario è calato resta per chi l'ha vissuto "la gioia, la festa in un tempo come questo in cui abbiamo bisogno di trovare fiducia, entusiasmo, luce negli occhi". "La musica non è fondamentale ma serve", ha detto prima di presentare l'ultima canzone della serata, "scritta per una persona sola e ora diventata di tutti". A te è forse la composizione più intima del suo repertorio e quella con cui ha scelto di congedarsi dal pubblico al campovolo di Bresso, un inno all'amore dopo cui si sono spente le luci su questa edizione del Jova beach part 2022. "Il Jova beach party è finito, ma non è finita qui" assicura alla sua tribù che per tutto lo spettacolo non ha mai smesso di ballare sulle note delle sue canzoni. "Domani avrete l’acido lattico anche nei lobi delle orecchie ma è un dolore che fa bene. Questa cosa ci unirà per sempre, tutti quanti. Noi siamo quelli del Jova beach party".