Calabria, Calopresti: "Possibile che non ci sia un presentabile per la sanità?"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

di Ilaria Floris

"Certo che la situazione è peggiorata, con questi due commissari che in questi giorni hanno dato il peggio di loro. Possibile che non ci sia una persona presentabile a cui affidare la Sanità calabrese?". Lo dice all’Adnkronos il regista calabrese Mimmo Calopresti, intervenendo sulla drammatica situazione del Covid in Calabria, classificata come ‘zona rossa’, e sulle polemiche che hanno accompagnato in questi giorni le dimissioni del commissario straordinario del governo per la Sanità in Calabria Saverio Cotticelli, e la nomina del successore, Giuseppe Zuccatelli.

"Io ho fatto un film, ‘Aspromonte, la terra degli ultimi’ -ricorda Calopresti- in cui dicevo che i calabresi hanno bisogno di diritti, primi fra tutti Sanità e Scuola e ancora molti altri". Per questi diritti "i calabresi devono battersi in prima persona, senza aspettarsi miracoli dai governi e dai loro commissari".