Calabria, a Diamante un murale di pietre preziose di Gerardo Sacco

·1 minuto per la lettura

Un murale particolare, impreziosito da pietre e qualche diamante (riproduzioni, ovviamente) per celebrare la rinascita. È quello disegnato dall’orafo Gerardo Sacco e che verrà realizzato a Diamante proprio dal team della maison d’arte orafa, che omaggerà il Comune guidato da Ernesto Magorno di un’opera unica, in perfetto stile Gerardo Sacco. Si tratta della rappresentazione della Fenice, animale mitologico simbolo della rinascita, realizzata per l’occasione con prodotti tipici del territorio di Diamante. Le famose ali di fuoco sono composte con i peperoncini, il corpo con cedri, frutto caratteristico dal profumo dolce ed inimitabile.

La coda, infine, si fonde con un simbolo dell’arte, della cultura e dello spettacolo ovvero il Teatro dei Ruderi a Cirella e sotto la famosa Isola. Un’opera che viene donata come buon auspicio a Diamante, candidata come Capitalia Italiana della Cultura 2024. L’idea della Fenice nasce durante il periodo vissuto da Gerardo Sacco, che ha affrontato quei giorni in cui è stato direttamente colpito dal Covid come sempre, in maniera creativa e cercando di trasformare quell’esperienza in qualcosa di positivo. E così è stato, visto che ne sono nate anche tre linee di gioielli a tema che stanno per andare in produzione: una in argento, l’altra in argento e smalti e infine quella in oro, diamanti, rubini e smeraldi.

“In quel periodo – spiega Gerardo Sacco – mi sono sentito rinascere, proprio come una Fenice. Realizzeremo questa opera, a metà tra il murale e la scultura, insieme al mio team anche come forma di ringraziamento per la cittadinanza onoraria che il sindaco Magorno ha deciso di assegnarmi due anni fa”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli