Calabria, scommesse online: Gdf scopre evasione per quasi 4 mld -2-

Red/Coa

Roma, 8 ago. (askanews) - In tale sede era stata accertata l'esistenza di un'associazione per delinquere di tipo mafioso con proiezione transnazionale, costituita da soggetti appartenenti alla 'ndrangheta, che, avvalendosi di società estere - tra le quali la società verificata - ha esercitato abusivamente l'attività di gioco in Italia, riciclando ingenti proventi illeciti. La raccolta di scommesse, in effetti, attuata dagli allibratori anche al di fuori del proprio Paese di stabilimento, ha conosciuto un notevole sviluppo con la diffusione della tecnologia informatica che permette il rapido scambio di dati attraverso le reti telematiche.

L'azione di vigilanza e controllo a tutela del monopolio statale sui giochi, sulle scommesse e sui concorsi pronostici - orientata a prevenire e reprimere tutti gli illeciti legati al gioco irregolare e clandestino - ha evidenziato che in Italia, negli ultimi anni, si è registrata una proliferazione di agenzie che effettuano la raccolta di scommesse via internet, affiliate a bookmaker esteri il più delle volte privi delle previste concessioni rilasciate dall'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Invero, è stato rilevato che alcuni bookmaker transnazionali operano sul territorio italiano attraverso reti di agenzie perfettamente organizzate che rappresentano l'interfaccia della "casa madre" e alle quali è riconosciuta dal bookmaker una provvigione commisurata alle giocate raccolte.(Segue)