Calabria: Siclari, 'si muore di sanità e governo occupa poltrone, intervenga Mattarella'

·1 minuto per la lettura
Calabria: Siclari, 'si muore di sanità e governo occupa poltrone, intervenga Mattarella'
Calabria: Siclari, 'si muore di sanità e governo occupa poltrone, intervenga Mattarella'

Roma, 8 nov. (Adnkronos) – “La sanità calabrese sempre più politicizzata dal governo che indica le zone rosse le regioni di centrodestra, tra queste la Calabria. Lo dimostra anche la nomina del nuovo commissario Zuccatelli. Spartizione clientelare, da manuale Cencelli, nominandolo, con procedura illegittima solo perché si tratta di un soldato di sinistra. Una pezza peggiore del buco! Cotticelli è stato indicato palesemente come unico ‘capro espiatorio’ per occultare un coacervo di responsabilità governative e ministeriali". Lo afferma il senatore di Forza Italia, Marco Siclari, ricordando che "vi è un video, divenuto virale sui social e sulla stampa online, dove il neo-commissario della sanità calabrese esprime, anche in maniera becera e volgare la sua teoria sulla 'non necessità' delle mascherine e sulla estrema difficoltà di trasmissione del virus".

"Zuccatelli -afferma ancora l'esponente azzurro- non è certo che abbia i titoli per ricoprire la carica di commissario e la questione è al vaglio del Tar di Catanzaro. Non è iscritto nell’ ‘Elenco nazionale dei soggetti idonei alla nomina di direttore generale delle Aziende sanitarie locali, delle Aziende ospedaliere e degli altri Enti del Servizio sanitario nazionale’ tenuto dal ministero della Salute”.

“Di fronte al dramma dei calabresi, la cui regione è inserita in fascia rossa per le inadempienze della gestione commissariale governativa, il governo che fa? In Calabria si muore di sanità ed ancora pensate ad occupare poltrone: l’appartenenza al partito sopra il merito. Noi avevamo proposto Bertolaso, ma loro continuano a non collaborare con le opposizioni. Mi appello all’unica nostra speranza per il Paese, al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, affinché valuti anche queste scelte -conclude Siclari- che sembrano inadeguate e pericolose vista l’emergenza nell’emergenza sanitaria in Calabria”.