Calci e pugni alle due figlie: arrestato padre padrone

Violenza sulle donne

Volevano frequentare fidanzati diversi da quelli che il padre aveva prescelto per loro: per questo due ragazze venivano picchiate, punite e segregate dal genitore, un cittadino bosniaco di etnia rom. La polizia di Pisa ha arrestato l'uomo in esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Il padre padrone è accusato di reiterate violenze, lesioni, segregazioni nei confronti delle due figlie, una delle quali da poco maggiorenne. Le violenze, che risalgono sin dalla minore età per una delle due, non si limitavano a calci, pugni e pratiche umilianti, come quella del taglio dei capelli, ma spesso consistevano in veri propri periodi di segregazione nelle roulotte, dove le ragazze venivano cibate a pane e acqua.

LEGGI ANCHE: Per i matrimoni forzati il Codice Rosso prevede fino a 7 anni di carcere

Le punizioni inflitte dal padre non erano sono finalizzate nel riprendere piccole mancanze in ambito familiare, ma erano soprattutto dirette ad impedire alle due ragazze di frequentare i loro fidanzati, diversi da quelli che il padre aveva prescelto per loro, ovvero due cugini del campo, con le cui famiglie lo stesso aveva già intavolato una trattativa, chiedendo e ottenendo del denaro in cambio dell’assenso al matrimonio con le figlie.

L’uomo è ritenuto responsabile di sequestro di persona, maltrattamenti, calunnia e costrizione e induzione al matrimonio, reato, quest’ultimo, introdotto dal cosiddetto Codice Rosso e che costituisce il primo caso in Italia di esecuzione di una custodia cautelare in carcere.