Calciatrice interrompe la diretta: la madre travolta da un camion

Calciatrice interrompe la diretta: la madre travolta da un camion - Credit: EM Dash-USA TODAY Sports
Nadia Nadim - Credit: EM Dash-USA TODAY Sports

Nadia Nadim, ex attaccante del Manchester City, stava commentando per la rete televisiva britannica ITV il match di Coppa del Mondo tra Danimarca e Tunisia, quando all'improvviso le è stato comunicato che la madre era stata investita da un camion e uccisa.

La calciatrice afghana, naturalizzata danese, ha dovuto lasciare la trasmissione e il conduttore Mark Pougatch ha comunicato agli spettatori che Nadia era stata costretta a lasciare gli studi senza specificare il perché. E' stata la stessa giocatrice del Racing Louisville e della nazionale danese ha spiegare il tragico retroscena su Twitter.

GUARDA ANCHE: In serie A una calciatrice su due è laureata o iscritta all’Università

"Martedì mattina mia madre è stata uccisa da un camion. Stava tornando dalla palestra", ha scritto Nadia Nadim, che ha proseguito: "Le parole non possono descrivere ciò che provo. Ho perso la persona più importante della mia vita ed è successo in modo improvviso e inaspettato. Aveva solo 57 anni. Era una guerriera che aveva combattuto per ogni centimetro della sua vita. Lei non mi ha dato la vita una ma due volte, e tutto ciò che io/noi siamo è grazie a lei. Ho perso la mia casa e so che niente sarà mai più come prima. La vita è ingiusta e non capisco perché lei e perché così. Ti amo e ti rivedrò".

Un portavoce di ITV ha dichiarato: “Tutti in ITV, che sta lavorando con Nadia in Qatar e l'azienda in generale, sono profondamente scioccati e rattristati da questa tragica notizia. Abbiamo offerto a Nadia il nostro supporto e i nostri pensieri sono con lei e con le persone a lei più vicine in questo momento incredibilmente difficile".

Nadia Nadim è nata il 2 gennaio 1988 a Herat e cresciuta nella città afghana. Nel 2000 il padre Rabani, generale dell'esercito afghano, fu sequestrato e assassinato nel deserto dai talebani. La sua famiglia lasciò quindi l'Afghanistan e, dopo essere passata prima per il Pakistan e poi per l'Italia, giunse in Danimarca, nazione in cui si stabilì. Una volta diventata maggiorenne, Nadia Nadim ha preso la cittadinanza danese intraprendendo una luminosa carriera nel calcio femminile. Per la calciatrice della nazionale danese una storia di dolore e riscatto, segnata purtroppo ora dall'insensata perdita della madre.

LEGGI ANCHE: Razzismo, una calciatrice di 15 anni è stata insultata: "Sei una mangiabanane, ti sbianco"