Calcio: 100.000 adesioni a Interspac, Cottarelli 'presto parleremo con club'

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 19 lug. – (Adnkronos) – Un azionariato popolare per l'Inter. È nata con questo fine Interspac, società presieduta da Carlo Cottarelli per un progetto al quale hanno già aderito diversi noti tifosi nerazzurri. Intervenuto a Sky Sport 24, l'economista ha spiegato quali sono i vantaggi dell'iniziativa: "Un azionariato popolare avrebbe diversi vantaggi. Innanzitutto si tratta di un capitale più stabile – ha esordito il professor Cottarelli -, non è un capitale che va e viene di anno in anno. Questo consente una pianificazione di medio termine: pensiamo soltanto alla costruzione di uno stadio. In secondo luogo, il capitale dei tifosi non vuole essere remunerato".

" I tifosi, naturalmente, non vogliono perderci, però questo capitale non deve essere remunerato come invece deve succedere con il capitale a debito. I debiti delle società di calcio italiane sono molto alti e gli interessi pagati dai club sono altissimi. Queste spese potrebbero essere utilizzate per altri scopi finalizzati a rafforzare la società. Infine pensiamo che in questo modo si possa creare un rapporto molto più stretto tra i tifosi, le famiglie dei tifosi e le società di calcio: questo fa aumentare le entrate legate agli accessi allo stadio, alla vendita dei prodotti e alla pubblicità. Quindi credo che anche dal punto di vista economico sia un qualcosa che può funzionare".

Dal 25 giugno fino a ieri (domenica 18 agosto) alle 23, sul sito interspac.eu si poteva manifestare la volontà di partecipare rispondendo al questionario sull'azionariato popolare. "Siamo stati informati dalla società IQUII, che fornirà dati più precisi e completi fra qualche giorno, che circa centomila persone – quasi tutti interisti – hanno risposto al questionario sull’azionariato popolare – ha annunciato Cottarelli -. Siamo molto contenti di questo risultato. Il prossimo passo sarà prendere contatti con la proprietà dell'Inter e vedere se si può lavorare a un progetto insieme. I numeri raccolti finora ci danno credibilità, poi naturalmente servirà del tempo per lavorarci. Questa idea è nata due anni e mezzo fa, ma allora la proprietà Suning non era interessata. Al contrario, questa volta non ci sono stati segnali negativi, anzi. Abbiamo registrato un certo interesse".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli