Calcio: Abodi, 'apprezzo tentativo Mancini, più spazio ai giovani anche rischiando'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 21 nov. (Adnkronos) – "Non credo che all'improvviso siamo passati dal tetto d'Europa a qualcosa di decisamente più critico e meno nobile. I nostri valori sono quelli che riusciamo ad esprimere in campo a volte con risultati più che lusinghieri, anzi di grande esaltazione, come gli Europei, che non sono un ricordo lontano, saremo stati anche baciati dalla fortuna allora, ma poi abbiamo pagato un prezzo alto. Ho apprezzato molto il tentativo del ct Mancini di andare a pescare nelle Primavera. Abbiamo bisogno di fiducia anche andando dove non si danno opportunità. Sembra paradossale che nelle Primavera quasi tutte le squadre abbiano un organico pieno di stranieri, io incentiverei una primavera prioritariamente nazionale, con qualche innesto di stranieri e non viceversa". Così il Ministro per lo sport e i giovani Andrea Abodi in una intervista all'Adnkronos, dopo la mancata qualificazione dell'Italia ai Mondiali in Qatar.

"In Serie A c'è la libera scelta dei club, che devono valutare sulla base dei rispettivi obbiettivi, ma vorrei ci fossero politiche di maggiore incentivazione alla valorizzazione del talento nazionale anche andando ad individuarlo. Facciamo giocare in U20 e U21 giocatori che in altri Paesi giocano in prima squadra, in Champions League e nella nazionale maggiore. Dare più spazio ai giovani anche rischiando qualcosa. Bisogna anche dar loro il tempo di crescere e maturare. Il nostro Paese vuole tutto e subito. Non possiamo pensare di avere una nazionale vincente e anche giovane, solo sperando che accada qualcosa di miracoloso, dobbiamo avere pazienza", ha aggiunto Abodi.