Calcio: Abodi, 'Caso D'Onofrio? Grande imbarazzo, occasione per dare tutela a sistema'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 21 nov. (Adnkronos) – "Caso D'Onofrio? C'è grande imbarazzo, può sembrare impossibile. Non si può dare una spiegazione, non può essere neanche quella dell'autocertificazione, questo signore si è anche macchiato anche del reato di aver certificato il falso. Sono andato anche su internet, ho cercato cosa ci fosse del suo passato e non c'è niente, nessun segnale. Consideriamolo, da un lato un'eccezione, e dall'altro cogliamo l'occasione per darci delle regole di maggior tutela per il sistema, perchè non ci si accontenti degli aspetti formali di base e quando si assumono ruoli di responsabilità si vada in maniera più profonda a scandagliare. Non ci si può permettere nessun errore, e lo dico a tutela non solo della classe arbitrale di vertice ma per la generazioni dei giovani arbitri". Sono le parole del Ministro per lo sport e i giovani Andrea Abodi in una intervista all'Adnkronos, su caso che ha coinvolto l'Aia.

La Figc ha portato la giustizia arbitrale al suo interno. "Se è sufficiente? Nulla può essere considerato sufficiente se non si arriva alla definizione delle responsabilità. La decisione della Figc la ritengo opportuna, tanto più in questa fase, ma è una prima decisione. Ora sta all'Aia e alla Figc acquisire tutte le informazioni e valutarle nell'ambito dell'appartenenza alla famiglia federale e arbitrale",