Calcio: autorità russe valutano nuovo ricorso al Tas per la squalifica della Uefa

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 3 mag. (Adnkronos) – La Federcalcio russa sta valutando un altro ricorso alla Corte Arbitrale dello Sport dopo che l'organo di governo europeo Uefa ha esteso il divieto alle squadre russe di gareggiare a seguito dell'invasione dell'Ucraina. La Uefa ha dichiarato lunedì che la Russia non potrà candidarsi per ospitare i Campionati Europei maschili 2028 o 2032 e non potrà partecipare alla Nations League o agli Europei femminili a luglio. Sono stati sostituiti dal Portogallo. Inoltre, il Comitato Esecutivo Uefa ha deciso che i club russi sarebbero stati banditi dalle competizioni europee la prossima stagione.

"La RFU continuerà a tutelare i propri interessi nelle cause già pendenti dinanzi alla Corte Arbitrale dello Sport di Losanna e si riserva il diritto di presentare nuovi ricorsi", ha riferito l'agenzia statale russa Ria Novosti, citando una dichiarazione della Rfu. La Russia è già andata al Tas per combattere contro l'esclusione delle squadre russe dalle sue competizioni da parte dell'ente di governo mondiale Fifa.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli