Calcio: Calcagno (Aic), 'bilanciare aspetti economici e merito per salvare campionati'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 27 apr. – (Adnkronos) – "L’esempio dato da calciatori e calciatrici, che con grande senso di responsabilità, insieme alla Federazione e a tutte le componenti, hanno permesso di far ripartire il mondo del calcio. Le norme applicate hanno fortunatamente tenuto e siamo stati bravi a gestire la crisi meglio di altri settori”. Così il presidente dell'Aic, Umberto Calcagno, ai microfoni di Radio Sportiva, facendo un bilancio complessivo dopo un anno condizionato dalla pandemia.

“Va comunque detto -prosegue il presidente dell'Assocalciatori- che tutti i problemi economici e gestionali emersi non sono dovuti alla pandemia, ma a una sbagliata gestione delle società che, a fronte dei cresce introiti degli ultimi dieci anni, che prodotto crescenti indebitamenti. Dobbiamo fare dei ragionamenti da qui in avanti che prevedano una diversa utilizzazione e ridistribuire delle risorse”.

Riguardo il progetto della Super League, Calcagno ha ribadito che “modalità e tempistiche sono state sbagliate: stiamo ragionando da tempo a una riorganizzazione delle competizioni e ci auguriamo di essere più coinvolti attraverso il nostro sindacato mondiale Fifpro. La clausola anti Super Lega approvata in Consiglio Federale è la riproposizione di quello che già era previsto dallo statuto federale: spero che non si arrivi a sanzioni ma a una diversa interlocuzione rispetto alle questioni di merito”.