Calcio: ct Usa, 'carriera in nazionale di McKennie non è finita nonostante violazione protocollo'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 8 set. (Adnkronos) – Il Ct degli Stati Uniti Gregg Berhalter ha detto che la carriera in nazionale di Weston McKennie non è finita nonostante sia stato sospeso dopo "una violazione della politica della squadra". Berhalter si è rifiutato di entrare nello specifico della violazione del 23enne centrocampista della Juventus McKennie. Tra le notizie circolate c'era quella che aveva un ospite nella bolla della squadra. McKennie ha suscitato numerose critiche ed è stato successivamente sospeso per l'1-1 di domenica con il Canada, mentre gli Stati Uniti continuano a lottare nelle qualificazioni ai Mondiali del 2022.

Gli Stati Uniti hanno confermato che McKennie salterà la gara di qualificazione di mercoledì contro l'Honduras e tornerà in Italia per tornare alla Juventus, mettendo in dubbio il suo futuro con la squadra. "Certo. È una politica a porte aperte", ha detto Berhalter ai giornalisti quando gli è stato chiesto se McKennie ha un futuro con la squadra nazionale. "Molto raramente ci sarebbe una situazione in cui un giocatore non sarebbe mai stato ammesso al campo della nazionale. Non è così che operiamo".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli