Calcio: E. League, Roma vince 2-1 a Helsinki, tra 7 giorni si gioca qualificazione in casa

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Helsinki, 27 ott. – (Adnkronos) – Preziosissima vittoria della Roma che espugna Helsinki battendo 2-1 l'Hjk. In virtù della vittoria del Betis sul Ludogorets, la Roma raggiunge a quota 7 proprio i bulgari contro cui si giocherà la qualificazione al playoff di Europa League all'Olimpico tra sette giorni. Giallorossi in vantaggio grazie a un colpo di testa di Abraham a fine primo tempo, nella ripresa i padroni di casa pareggia con Hetemaj, ancora Abraham decisivo nell'azione che porta all'autorete di Hoskonen che decide il match.

La partenza sprint dei finlandesi mette in difficoltà la Roma, tanto che Rui Patricio deve mettere i guantoni in due occasioni, in particolare su un colpo di testa di Hoskonen. I padroni di casa alzano i ritmi e gli uomini di Mourinho perdono spesso il possesso del pallone, almeno fino al ventesimo quando, inevitabilmente, anche l'HJK cala di intensità e viene fuori il maggior tasso tecnico dei giallorossi.

Cristante e Vina colpiscono un legno ciascuno in un'occasione da calcio d'angolo, poi lo stesso terzino spedisce fuori da posizione favorevole. Cristante andrebbe addirittura in gol, di testa, ma Volpato è in posizione di offside. Al 41' la Roma va in vantaggio su calcio di punizione. Pellegrini pennella per la testa di Abraham che, finalmente, si sblocca dopo un periodo di digiuno.

In avvio di ripresa Abraham rischia la doppietta con un tiro a giro e poco dopo, al 9', i padroni di casa trovano il pari: Hetemaj raccoglie un pallone dalla lunetta dell'area, Mancini è in ritardo e l'ex Chievo pareggia i conti. Il pari dura pochissimo, visto che otto minuti dopo El Shaarawy calcia verso la porta, dopo l'apertura di Pellegrini, e Hoskonen sbaglia la deviazione, nel tentativo di anticipare Abraham, e spiazza Hazard.

Nel finale i giallorossi rischiano un po' e Mourinho cambia, facendo entrare Shomurodov, Bove e Faticanti. L'Hjk troverebbe il pari con un grande gol di Browne, ma una manata di Malik – poi ammonito in seguito al controllo Var – a Cristante annulla una rete di pregevole fattura. Tra sette giorni contro il Ludogorets servirà un'altra vittoria per restare in corsa in Europa League.