Calcio: Gasperini alla società, 'deve dirmi se valorizzare i giovani o vincere scudetto'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Bergamo, 12 nov. – (Adnkronos) – "Se si tiene il piede in tante scarpe non va bene". Così Gian Piero Gasperini in conferenza alla vigilia della sfida contro l'Inter. Tema di discussione è il reparto offensivo dove l'allenatore ha abbondanza di scelte tra Zapata, Muriel e Hojlund: "È una scelta che dovrà fare la società, ha fatto un grosso investimento su Hojlund, devi essere convinto sui giovani e farli crescere allenandoli e facendoli giocare. Chiaro che se hai Zapata, se hai Muriel…questo è uno dei momenti in cui la società dovrà pensare cosa fare, se io metto il piede in tante scarpe non va bene. Bisognerà verificare il futuro degli obiettivi dell’Atalanta, se valorizzare i giovani si prenderà una direzione, se vincere uno scudetto un’altra, questa pausa servirà alla società per riflettere e dirmi quale direzione prendere e io lo farò".

L'allenatore di Grugliasco torna poi sul turnover contro il Lecce. "Non ho fatto alcuna pazzia, i giocatori in campo corrispondono al profilo dell'Atalanta. Dobbiamo valorizzare i ragazzi, non giochiamo per lo scudetto. C'erano Zapata, Malinovskyi, Ederson, Pasalic, Djimsiti, Sportiello, Soppy che ha quasi sempre giocato, Okoli che nella prima parte di campionato aveva giocato tanto. Ruggeri e Zortea era giusto gettarli in mischia, sono ragazzi nostri, non li abbiamo presi al bar".

Sulla gara di domenica contro l'Inter pesa una defezione: "De Roon ha un piccolo infortunio, forse risolvibile in una decina di giorni ed è a disposizione dell'Olanda per i Mondiali". Infine, circa il significato dello scontro diretto: "Siamo a pari punti e entrambe tenteremo di finire al meglio questa prima parte di una stagione anomala. Inzaghi ha un bagaglio tecnico notevole a disposizione. Gosens? Anche se i colori sono uguali, lo vedevo molto meglio con la nostra maglia. Dopo un impatto difficile sta recuperando e pure segnando, il che mi preoccupa. Facciamo il tifo per lui, ma da gennaio in poi".