Calcio: Gravina, ‘indice liquidità a 0,5 per la A ma Lega contraria’

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 26 apr. – (Adnkronos) – Il Consiglio Federale ha approvato l'impianto di norme relative alle Licenze Nazionali presentato dal presidente federale valide per l'iscrizione al prossimi campionati che prevede il rispetto di un parametro, tra gli altri, quale l'indice di liquidità dal valore di 0,5 per la Lega di A e di 0,7 per Lega Pro e Lega B. Gravina ha sottolineato come il Consiglio Federale abbia l'onere di approvare regole che garantiscano l'equilibrio economico-gestionale del calcio professionistico come indicato dalla legge n.91 dell'81. Inoltre, la necessità di reintrodurre un indice ammissivo (una volta superata la pandemia) è stata anche sottolineata dalla Covisoc in un'informativa alla Figc.

“E un indice di liquidità ammissivo a 0,5 per la Lega di Serie A con soli due correttivi che sono quelli storici, senza ulteriori variazioni richieste dalla Serie A – ha commentato il presidente della Figc Gravina a margine del Consiglio Federale – . I correttivi tengono conto sia della parte relativa al patrimonio sia a quella relativa al rapporto costi-ricavi del mondo lavoro allargato. La Lega di A ha votato contro e la B si è astenuta. La Serie A chiedeva lo 0,4 con alcuni correttivi che non abbiamo ritenuto accettabili”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli