Calcio: il Milan batte la Fiorentina grazie a un autogol al 92', resta a -8 dal Napoli

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 13 nov. – (Adnkronos) – Il Milan batte 2-1 la Fiorentina grazie a un autogol di Milenkovic al 92' e chiude il 2022 al 2° posto con 33 punti, a -8 dal Napoli capolista. Bastano meno di 90 secondi a Leao per sbloccare la partita su assist di Giroud. I viola replicano con un palo di Biraghi e poi trovano il pareggio al 28' con Barak con la deviazione di Thiaw. Nella ripresa ci provano Giroud e nuovamente Leao, Kalulu rischia l'autorete e Tomori salva su Ikoné. Nel finale decisiva l'autorete del difensore serbo, convalidata dal Var dopo il check sul contatto tra Rebic e Terracciano. I gigliato restano fermi a quota 19 in decima posizione insieme al Bologna.

Pronti-via e il Milan è già in vantaggio: Giroud apre un'autostrada, Leao la percorre a velocità doppia rispetto agli avversari e batte Terracciano con un diagonale. La Fiorentina non si disunisce nonostante perda per infortunio Dodo (sostituito da Venuti) dopo aver già perso nel riscaldamento il grande ex Bonaventura e organizza la risposta: prima va vicinissima al pareggio con Biraghi, fermato dal palo e dalla deviazione di Tatarusanu, poi lo trova con Barak che sfrutta anche una deviazione di Thiaw per riequilibrare l'incontro. Poco dopo qualche timida protesta della Fiorentina per un intervento di Kalulu su Biraghi, che l'arbitro Sozza giudica regolare. La squadra di Pioli risponde e nel finale di tempo ha due palle gol con Tonali e Diaz, il cui pallonetto a botta sicura è salvato sulla linea da Venuti.

I padroni di casa iniziano la ripresa attaccando e costringendo la Fiorentina a una ventina di minuti di fase difensiva. Dove non arriva la retroguardia ospite, c'è Terracciano che chiude la porta a Giroud prima e a Leao poi. Al quarto d'ora della ripresa, altre proteste dei toscani: Tomori scivola su Ikoné, rischiando qualcosa nell'intervento. Per Sozza è tutto regolare, il Var non interviene. Al 25' per poco Kalulu non sorprende Tatarusanu per anticipare Jovic (nel frattempo entrato al posto di Cabral). Nel recupero, l'episodio che decide il match: su un cross di Vranckx, a vuoto Terracciano ostacolato da Rebic e palla che sbatte su Milenkovic prima di entrare in rete. Proteste viola, ma Sozza non riceve suggerimenti dal Var e convalida tra le proteste dei viola.