Calcio: Immobile, 'mi sento il leader di questa Nazionale, voglio aiutare il gruppo'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Firenze, 21 set. – (Adnkronos) – Ti senti il leader di questa squadra? "Sì e mi sento anche in dovere di dare qualcosa al gruppo, fuori e dentro al campo. Sta avvenendo questo cambio generazionale con tanti giovani e il calcio italiano ha bisogno di qualcosa in più, deve partire da noi". Così Ciro Immobile in conferenza stampa dal ritiro azzurro di Coverciano.

"Io ho fatto la gavetta e i giovani di oggi devono iniziare a fare quello, io sono partito dal Sorrento e ho fatto tutta la trafila -ricorda il 32enne attaccante napoletano-. Oggi vista la pressione sui giovani velocizza questo percorso e non gli si dà tempo di crescere. Dobbiamo dare ai giovani tempo e modo di potersi esprimere, probabilmente nel club è un po' più semplice. Dobbiamo avere un po' di pazienza".

Immobile cerca di spiegare il fatto che con il club riesca a segnare di più. "Me lo chiedo quasi tutti i giorni… Forse alla Lazio ho più margine di errore e fa rosicare il fatto che ho vinto quattro classifiche marcatori e poi con la Nazionale segno meno. Me lo chiedo tutti i giorni proprio perché voglio sempre migliorare e dare il massimo, a volte voler strafare ti porta a fare grosse cavolate. Non mi hanno dato tanto fastidio le critiche, ma essere accreditato come l'attaccante che ha causato la mancata qualificazione al Mondiale e non quello della vittoria dell'Europeo. Questa diversità di vedute non mi è piaciuta, fa un po' ridere, ma si accetta anche questo e si va avanti".