Calcio: Infantino, 'perché non sognare i mondiali in Israele e Medio Oriente nel 2030?'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Gerusalemme, 13 ott. -(Adnkronos) – "Perché non sognare una Coppa del Mondo in Israele e nei Paesi vicini? Perché non organizzare il mondiale qui assieme agli altri Paesi del Medio Oriente e ai palestinesi?". E' l'idea lanciata del presidente della Fifa Gianni Infantino in merito alla Coppa del Mondo del 2030. "Niente è impossibile, dobbiamo pensare in grande. Oggi ospitare un Mondiale è un'avventura molto grande, è qualcosa di più di un evento sportivo", aggiunge il numero uno del calcio mondiale.

Infantino si trova in Israele per partecipare ad alcune iniziative per la celebrazione a un anno dalla firma degli "Accordi di Abramo". Il presidente della Fifa ha incontrato il premier israeliano Naftali Bennett, alla presenza anche dell'ex ambasciatore americano in Israele, David Friedman e dell'ex segretario al tesoro Usa Steven Mnuchin.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli