Calcio: Italiano, 'Juve grande squadra, Fiorentina deve essere perfetta'

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Firenze, 5 nov. (Adnkronos) – “La Juventus è comunque una squadra di grande qualità, non muore mai. Lo avete visto in Coppa che prestazione ha fatto. Arriva alla gara di domani con una fiducia diversa, rispetto a quello che poteva essere qualche giorno fa per quanto fatto in campionato. Ha giocatori di qualità, rapidi, forti tecnicamente. Dobbiamo affrontare questa partita con massima attenzione, approcciare bene e cercare di essere quasi perfetti. Ogni volta che si arriva prima della sosta per le Nazionali dico sempre ai ragazzi di dare qualcosa in più. So l’importanza di questa partita, e dobbiamo cercare di essere quasi perfetti”. Lo ha detto il tecnico della Fiorentina, Vincenzo Italiano alla vigilia della sfida con la Juventus in Serie A.

“Sono felice di quanto ho fatto fin qui nelle mie gare da allenatore in Serie A. So che la piazza ci tiene molto a questa gara, lo percepisco anche dai ragazzi che son qui da qualche anno. L’abbiamo preparata bene, sarà il campo a dare l’ultimo verdetto. E’ un esame importante? Sì, lo è. Siamo ancora alla 12° giornata, ci sono tre punti in palio ma anche la possibilità di dover superare un esame importante”, ha aggiunto il tecnico dei viola che su Allegri e la sua squadra ha poi sottolineato che "davanti abbia tante frecce e tanti calciatori importanti, di guizzo, inventiva, forti. Più ne giocano di calciatori di qualità davanti, più vuol dire che loro vogliono vincere. Noi cercheremo di essere sempre gli stessi. Dobbiamo avere sempre la stessa mentalità, a volte abbiamo fatto meglio, altre peggio”.

Italiano ha parlato anche di bomber Vlahovic. "Stiamo parlando di un ragazzo che in 11 partite ha già fatto 8 gol. In qualche gara abbiamo avuto delle difficoltà a cercare di metterlo in condizione di sfruttare il suo potenziale. Il tutto non c’entrava niente con le questioni extracampo. Si allena sempre al massimo, dà l’anima in campo, fa pressione, cerca anche di suggerire il passaggio, tutto ciò che non è avvenuto in precedenza non era dovuto a nessuna tensione, ma solo al perché non riuscivamo a metterlo al meglio in grado di poter segnare. Arriva da una tripletta, è carico, penso che vederlo arrivare a Juventus-Fiorentina con questo entusiasmo ci può dare grande fiducia. Pressioni? Mah, non leggo tantissimo. Ho letto di Juve, ma anche di Tottenham, Arsenal, Milan. Per me, per adesso, sono solo voci. Lui è molto concentrato solo sul campo, e si vede come gioca. A me interessa solo ciò”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli