Calcio: lady Inzaghi, 'Simone doveva cambiare anche se dentro stavo morendo'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 8 set. – (Adnkronos) – "L'Inter? Simone doveva cambiare per la sua carriera, che viene prima di tutto. Anche se dentro stavo morendo, non mi sono tirata indietro: ho cercato di dargli tutta la forza possibile, tutto il mio appoggio. Mai gli avrei fatto pesare nulla, piuttosto ho pianto di nascosto". Lo dice Gaia Lucariello, moglie di Simone Inzaghi, in merito al passaggio del marito dalla panchina della Lazio a quella dell'Inter.

"I cambiamenti fanno bene, poi Simone ha preso una casa molto accogliente perché sa che avrò nostalgia -prosegue Lucariello a 'Chi'-. A Roma abitavamo ai Parioli e dovevo prendere la macchina per comprare qualsiasi cosa, qui siamo in zona Brera: scendo a piedi e trovo il macellaio, il fruttivendolo, molte boutique carine. Questo mi piace moltissimo".

"Io ogni partita la vivo come un esame. Non le dico in che stato d'animo le guardo: piena di ansia e con gli occhi lucidi! Contro il Verona nel primo tempo perdevamo 1-0… Lorenzo accanto a me era in lacrime, io agitatissima! Per fortuna poi abbiamo vinto. Il lavoro di Simone per me è molto coinvolgente", conclude la moglie di Simone Inzaghi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli