Calcio: Lazio si complica la vita nel finale ma batte Genoa 4-3 e resta in corsa Champions

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 2 mag. – (Adnkronos) – La Lazio si complica la vita nel finale di partita ma riesce a battere 4-3 il Genoa e a restare in piena corsa per un posto nella prossima Champions League. Partita senza storia fino al 35' della ripresa con i padroni di casa avanti 4-1 grazie alla doppietta di Correa e ai gol di Immobile su rigore e Luis Alberto; di marca biancoceleste anche la rete rossoblù, visto che si tratta di un autogol di Marusic. Gli ospiti però non si danno per vinti e accorciano le distanze grazie al rigore trasformato da Scamacca e alla rete di Shomurodov per il 4-3 finale. In classifica la squadra di Inzaghi sale a quota 64, in sesta piazza ma a soli due punti dal quarto posto di Napoli e Juventus. Il Genoa resta fermo a quota 36 in 13esima posizione.

Lazio padrona del campo sin dai primi minuti: al 2' Lazzari vola sulla destra e serve Immobile che impegna Perin con il sinistro, poco dopo cross del solito Lazzari, Lulic va a colpire indisturbato sul secondo palo ma non inquadra la porta da posizione invidiabile. I padroni di casa fanno quello che vogliono e Luis Alberto spreca due buone occasioni, un paio anche Immobile. Alla mezz'ora tocca quindi a Correa a sbloccare la gara: molto sfortunata la squadra ospite, che nell'ennesimo tentativo di alleggerimento davanti dentro l'area di rigore, colpisce il destro il Correa. La carambola che ne nasce è imparabile per Perin. Tutto tranquillo dalle parti di Reina fino al 41', quando il Genoa finalmente alza il proprio baricentro e mette in mezzo un pallone molto insidioso, che Hoedt allontana dopo un paio di lisci.

Capovolgimento di fronte e calcio di rigore per i padroni di casa: Radovanovic sbilancia Immobile in area di rigore, nessun dubbio per Giacomelli. Lo stesso Immobile scaccia i fantasmi dopo 3 errori su 6 precedenti tentativi in stagione e dagli 11 metri firma il 2-0.