Calcio: l'Italia vince in rimonta 3-1 l'amichevole con l'Albania

no credit

AGI - Nel test match contro l'Albania arriva un successo in rimonta per l'Italia del ct Roberto Mancini, che s'impone 3-1 a Tirana. Decisivo il gol di Di Lorenzo e la doppietta di Grifo, dopo l'iniziale vantaggio albanese del difensore dell'Empoli Ismajli.

Azzurri che colpiscono inoltre un palo con Zaniolo ed una traversa con lo stesso Grifo, mentre dall'altra parte anche Uzuni e Bajrami centrano una volta a testa il montante. Nota stonata della serata azzurra l'uscita in barella del milanista Tonali, a seguito di una brutta caduta: il calciatore è rimasto sempre cosciente, ma saranno necessari accertamenti medici per capire meglio le sue condizioni.

Gli azzurri partono con intraprendenza e al 12' creano la prima grande occasione del match: Berisha si oppone ad un tentativo ravvicinato di Raspadori, sulla respinta la palla arriva a Zaniolo che da ottima posizione calcia alto.

Una manciata di minuti più tardi, invece, dall'altra parte sono i padroni di casa a sbloccare al primo tentativo: calcio di punizione di Bajrami dalla trequarti, colpo di testa imperioso di Ismajli e palla che s'infila sotto la traversa per l'1-0.

L'Italia però non ci sta e in appena nove minuti ribalta completamente la situazione, prima con la zampata sotto porta di Di Lorenzo su assist di Grifo, poi con lo stesso attaccante del Friburgo che insacca dopo il gran tocco a centro area di Raspadori. A ridosso dell'intervallo, nel secondo dei tre minuti di recupero concessi, gli azzurri sfiorano anche il tris con Zaniolo, sfortunato nel colpire il palo a portiere battuto.

Ad inizio ripresa, dal 52' al 64', succede di tutto: in ordine cronologico prima la traversa di uno scatenato Grifo, poi quelle di Uzuni e Bajrami che vanno a centimetri dal pareggio dell'Albania, successivamente arriva il terzo gol dell'Italia ancora ad opera di Grifo, che piazza un gran destro alle spalle di Berisha per la doppietta personale.

Nel finale la squadra di Reja prova a concedersi ancora qualche speranza, ma prima Roshi e poi Skuka vengono respinti da un attento Meret. Prima del triplice fischio da segnalare gli esordi in Nazionale di Pinamonti, Fagioli e del giovanissimo Pafundi (classe 2006 dell'Udinese).