Calcio: Mazzola, 'Tarcisio era fortissimo, l'avversario più forte lo doveva marcare lui'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 26 mag. (Adnkronos) – "Tarcisio era un compagno fantastico, per quello che faceva dentro e fuori dal campo. Spesso quando si giocava e c'era da marcare il campione avversario toccava sempre a lui marcarlo. Era fortissimo". Queste le parole di affetto di Sandro Mazzola, storico capitano della Grande Inter, all'Adnkronos, per commemorare la morte di Tarcisio Burgnich, la Roccia, il difensore dell'Inter di Helenio Herrera e Angelo Moratti, campione d'Europa nel 1968 e vice campione del mondo nel 1970 con la Nazionale azzurra. "Ricordo che quando facevamo la 'passeggiata' lo prendevamo in giro lasciandolo dietro, ma poi si rifaceva durante la partitella", conclude Mazzola.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli