Calcio: Messi, 'Barcellona casa mia, prima o poi tornerò'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Parigi, 23 nov. – (Adnkronos) – "Non so che dire, ma la realtà è che me ne sono andato e il mio tempo al Barcellona è finito. Quello che mi hanno detto è che non potevano rinnovarmi il contratto e che non potevo restare. Non devo cercare altri colpevoli o vedere cosa è successo. Confermo quello che mi hanno detto e basta. Ho sempre detto che prima o poi tornerò a Barcellona perché è casa mia e perché ci vivrò. E ovviamente se posso contribuire e aiutare il club mi piacerebbe tornare". Così Lionel Messi ai microfoni di 'Marca' che gli ha consegnato il premio per il titolo di Pichichi della Liga, avendo chiuso la classifica cannonieri al primo posto nell'ultima stagione.

"È incredibile averne vinti così tanti, ma stando a Parigi non dai il peso giusto a questo traguardo. Si gioca ogni tre giorni, non c'è tempo per pensarci. Ora sto molto bene a Parigi, mi sono ambientato con la mia famiglia. Abbiamo anche dovuto fare molte trasferte in Argentina per le partite con la Nazionale, cosa che mi ha impedito di avere grande continuità qui", confessa Messi.

Sul Psg, aggiunge: "Sono stato fortunato a trovarmi in uno spogliatoio con grandi giocatori e belle persone, questa è la cosa più importante. All'inizio era tutto strano, ma l'ambientamento è stato veloce. Sergio Ramos? Inizialmente mi ha fatto uno strano effetto vederlo nella mia squadra dopo anni di rivalità da capitano di due squadre come Barcellona e Real Madrid e tanti duelli in campo. Ma averlo oggi come compagno di squadre è uno spettacolo. Piano piano si sta unendo a noi e speriamo di vederlo in campo al più presto perché sarà un valore aggiunto fondamentale".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli