Calcio: Messi, 'in volo da Rosario a Barcellona piangevo sempre, ma volevo giocare a calcio'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 22 mag. (Adnkronos) – "Quando viaggiavo in aereo da Rosario a Barcellona piangevo sempre, volevo restare a casa mia, ma volevo anche tornare a giocare a calcio". Questa parte dell'intervista rilasciata da Lionel Messi al quotidiano argentino 'Olé', in cui la Pulce ha raccontato aneddoti e curiosità. L'argentino non ha menzionato il Barcellona né accennato a niente che riguardi il rinnovo de contratto.

Il sei volte Pallone d'oro ha svelato anche qual'è il suo rimpianto calcistico: "mi dispiace non aver preso le magliette di Ronaldo (il brasiliano) e Roberto Carlos – racconta Messi – entrambi li ho affrontati ad inizio carriera e non ho le loro divise".

Sul campo da calcio l'argentino ha sempre regalato magie, ma non era lo stesso sui banchi di scuola: "la verità è che non mi piaceva studiare – confessa Messi – è stato molto difficile per me, ma ho avuto sempre un comportamento corretto – poi prosegue – ho studiato al liceo in Spagna, non prestavo molta attenzione però è stato un bel periodo".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli