Calcio: Mourinho, 'con Dybala in campo è un'altra Roma, qualche giocatore deve fare autocritica'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 13 nov. – (Adnkronos) – "Ci sono due partite, una fino al 70' e una dopo il 70'. Fino al 70' i tifosi volevano andare a casa perché non stavamo giocando bene, mentre negli ultimi 20 minuti abbiamo creato più che nelle ultime 4/5 partite. Il perché è facile: quando non gioca Dybala, è molto diverso per noi. Quanti punti in più avremmo potuto avere nelle ultime 6 con Dybala in campo? Noi abbiamo quello che abbiamo, la luce sta lì e ad un certo punto l'abbiamo persa". L'allenatore della Roma José Mourinho commenta così il pareggio per 1-1 all'Olimpico contro il Torino.

"Ora riposeremo per poi preparare con un secondo ritiro la seconda parte del campionato -aggiunge il tecnico portoghese-. Qualche giocatore deve fare autocritica, come io la farò con me stesso. Solo una squadra unita può fare quello che abbiamo fatto oggi, dopo due pali e un rigore sbagliato. Chiamo questi ultimi 20 minuti della speranza, di riavere Dybala e Pellegrini e di un Tahirovic che è entrato in una situazione di pressione ma ha mostrato personalità. Merito di un club che non può spendere tanti soldi e che lavora bene".

Infine Mourinho rivela come non fosse Andrea Belotti il rigorista designato: "Non era lui, ma non voglio dire chi fosse. Il problema per me non è sbagliare, ma quando puoi dare di più e per qualche motivo non lo dai. Questione di fragilità o del fatto che il calcio non sia la cosa più importante della tua vita. Comunque Belotti ha avuto il coraggio di tirare".