Calcio: Nicolato, 'con la Germania per sperimentare nuove soluzione e ampliare rosa'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 14 nov. – (Adnkronos) – Proseguire gli esperimenti in vista della fase finale dell'Europeo e ampliare il gruppo di giocatori convocabili. Con questi due obiettivi è iniziato il raduno della Nazionale Under 21 verso l'amichevole in programma sabato 19 alle ore 17.30 (diretta Rai2) allo stadio 'Del Conero' di Ancona contro la Germania. Gli Azzurrini si alleneranno a San Mauro Pascoli (FC) fino a giovedì, prima della partenza per le Marche. Rispetto all'ultima lista di convocati per le due amichevoli contro Inghilterra e Giappone, non ci sono Scalvini, Parisi, Miretti e Fagioli, tutti convocati dal Ct Mancini per le amichevoli della Nazionale maggiore contro Albania e Austria; oltre a Lovato e Udogie, già fuori dalla lista dei convocati, Nicolato ha poi dovuto constatare l'indisponibilità di Andrea Cambiaso (Bologna) e Pietro Pellegri (Torino). E' stato convocato il centrocampista dell'Hellas Verona Filippo Terracciano, alla prima chiamata in Under 21.

"Consolidare in questa fase è molto difficile – ha spiegato l'allenatore nella prima conferenza stampa settimanale -. Facciamo fatica a programmare, anche perché ci sono le esigenze della Nazionale A e gli infortuni. Siamo in una fase sperimentale, ma abbiamo solo tre partite prima dell'Europeo: questa con la Germania, che ho comunque la fortuna di poter preparare per cinque giorni, e due a marzo. Dobbiamo utilizzarle per vedere e ampliare le conoscenze di altri ragazzi, anche perché il panorama non è che offra un elevatissimo numero di giocatori. L'unico obiettivo è provare ad aggiungere altri nomi alla lista".

Da quando Nicolato guida l'Under 21, in ogni caso, sono stati 16 i giocatori a esordire in Nazionale A. "Sono tantissimi ed è una cosa che ci rende orgogliosi, e il merito va a tutti quelli che hanno lavorato in questi anni – ha continuato Nicolato -. Per noi è un grande orgoglio che i ragazzi vadano in Nazionale A, quello è l'obiettivo numero uno. Abbiamo un'Under 21 giovanissima, composta per più della metà da ragazzi che potranno giocare anche nel prossimo biennio: un po' di competitività la perdiamo, ma cerchiamo di fare del nostro meglio con i ragazzi a disposizione. Siamo comunque riusciti per due bienni a centrare la qualificazione all'Europeo, e nel primo abbiamo raggiunto i quarti di finale. Per competere ad alto livello, però, serve qualcosa in più, e l'auspicio che ho anch'io è quello di giocarmi qualcosa di importante. Speriamo di poter anche alzare l'asticella e arrivare a giugno con la possibilità di provare quella che sarà la squadra e poter competere per dei traguardi importanti, perché ce lo meritiamo: lo spero io, lo spera il commissario tecnico e lo spera tutta la Federazione".

Per la gara con la Germania sono quattro le novità: oltre Terracciano, prima chiamata anche per Cesare Casadei, Franco Tongya e Cristian Volpato. "Abbiamo la necessità numerica e qualitativa di aumentare la rosa, che si tramuta nell'opportunità di vedere ragazzi nuovi – ha spiegato il tecnico -. E già in passato ci è capitato di trovare ragazzi che non ci aspettavamo essere così bravi e pronti. Ragazzi che comunque conosciamo perché hanno fatto tutti la trafila nel Club Italia".

Dopo l'amichevole con la Germania ce ne saranno due a marzo, prima di ritrovarsi contro Norvegia, Svizzera e Francia nel girone della fase finale dell'Europeo in programma a Cluj (Romania). "L'aspetto del minutaggio nei club dei nostri giocatori sarà fondamentale. Fortunatamente nelle ultime settimane sta aumentando e spero che questo trend non si interrompa, anche perché un alto minutaggio ad alto livello si riflette sulla prestazione negli impegni ravvicinati".