**Calcio: panchina d'oro, Gasperini vince per il secondo anno di fila** (4)

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – “È un premio che mi rende orgoglioso e che ci tengo a condividere con i 376 calciatori allenati in venti anni di carriera” è il commento di Massimiliano Alvini, tecnico della Reggiana e fresco vincitore della Panchina d’oro di Serie C. Alvini, che l’anno scorso ha condotto la formazione emiliana in Serie B attraverso la vittoria dei playoff, ha poi proseguito: “Questo è un riconoscimento alla splendida stagione vissuta l’anno scorso. Ringrazio tutta la società, il direttore sportivo Doriano Tosi, il mio staff e la mia famiglia, che è stata al mio fianco in questo lungo viaggio”.

Per quel che riguarda i due massimi campionati femminili, Gianpiero Piovani ha bissato il successo della Panchina d’oro ottenuta due anni fa, quando era alla guida del Brescia: “Sono felicissimo e orgoglioso – sottolinea il tecnico attualmente sulla panchina del Sassuolo – di ricevere questo premio prestigioso. Vorrei condividerlo con tutti i miei colleghi e le società che stanno contribuendo in maniera importante alla crescita di questo movimento, con il Sassuolo Calcio, ma soprattutto con le calciatrici e il mio staff che in questi anni sono stati fondamentali per far sì che tutto questo accadesse”.

Chi non si aspettava infine di poter ricevere la chiamata del presidente del Settore Tecnico, Demetrio Albertini, che gli annunciava la vittoria della Panchina d’argento Calcio Femminile, è Alain Conte, allenatore della San Marino Academy, che ha condotto l’anno scorso la propria squadra alla promozione in Serie A Timvision: “All’inizio, quando ho ricevuto la telefonata, mi ha colto un po’ di sorpresa e quasi pensavo fosse uno scherzo… Si tratta di un riconoscimento per quello che è e che rappresenta la San Marino Academy: è frutto del lavoro svolto dallo staff e di chi mi ha voluto. La Panchina d’argento è un premio prestigioso, perché viene dato direttamente dai tuoi colleghi”.