Calcio: Prandelli, via a modernizzazione no a rivoluzione

Roma, 18 mag. - (Adnkronos) - Preferisce parlare di "modernizzazione", piuttosto che di rivoluzione. Cesare Prandelli, allenatore dell'Italia dal 2010, ha la missione di "riprogrammare una squadra che deve costruire il suo futuro basandosi sul gioco, sulla volonta' di trovare il gioco". Lo confessa il ct azzurro Cesare Prandelli a meno di un mese da Euro 2012, in un'intervista a 'L'Equipe Mag'. Ma il tecnico avverte: "oggi, l'Italia ha buoni giocatori, ma non 'fuoriclasse'". Prandelli spiega poi quale sara' il 'volto' dell'Italia che affrontera' la Spagna nella prima gara di Euro 2012. "La squadra deve rimanere compatta, mantenere il possesso della palla e se lo perde deve recuperarlo rapidamente per sviluppare il gioco immediatamente", assicura Prandelli. In teoria, "le partite devono essere aperte, spettacolari e l'Italia deve essere una squadra che vuole attaccare, ma che sa anche difendere, e quindi eseguire un gioco globale e ambizioso".

Per approfondire visitaAdnkronos
Ricerca

Le notizie del giorno