Calcio: Premier, club non rilasceranno giocatori per sfide internazionali in Paesi in zona rossa

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Londra, 24 ago. – (Adnkronos) – I club della Premier League hanno deciso all'unanimità di non lasciar partire i giocatori per le partite internazionali che saranno disputate nei paesi della cosiddetta lista rossa. Questa decisione riguarda quasi 60 giocatori di 19 società, che avrebbero dovuto viaggiare in 26 Paesi della lista rossa nella finestra di settembre riservata alle Nazionali. La quarantena al ritorno da tali Paesi avrebbe intaccato la forma fisica dei giocatori e avrebbe avuto un impatto significativo sulla stagione, perché i calciatori non sarebbero potuti scendere in campi in due turni di Premier League, uno nelle competizioni europee e uno di Coppa di Lega.

"I club della Premier League hanno sempre sostenuto il desiderio dei loro giocatori di rappresentare i loro Paesi e questo è motivo di orgoglio per tutti gli interessati -ha dichiarato l'ad della Premier League Richard Masters-. Tuttavia, i club sono giunti con riluttanza ma giustamente alla conclusione che sarebbe del tutto irragionevole rilasciare giocatori in queste nuove circostanze".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli