Calcio: Scolari, 'Maradona era il migliore, vorrei allenare Messi per un giorno e guidare il Boca'

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Buenos Aires, 9 apr. (Adnkronos) – L'allenatore vincitore della Coppa del Mondo con il Brasile Luiz Felipe Scolari ha espresso il desiderio di concludere la sua decorata carriera da allenatore degli argentini del Boca Juniors. Scolari è senza club da gennaio, quando si è separato dal Cruzeiro dopo averlo aiutato ad evitare la retrocessione nella terza divisione del calcio brasiliano. "Penso che mi identificherei con il Boca", ha detto il 72enne allenatore alla stazione radio argentina del Super Deportivo. "Sarebbe meraviglioso avere l'opportunità di allenarlo". Un anno fa, quando il club ha avuto le elezioni presidenziali, ho avuto la possibilità di allenare il Boca, ma quell'opportunità non si è concretizzata. Oltre al Brasile, non ho mai avuto l'opportunità di allenare in Sud America e sarebbe l'ideale per finire la mia carriera lì al Boca".

L'ex allenatore del Chelsea ha anche rivelato una profonda ammirazione per l'attuale capitano dell'Argentina Lionel Messi e l'eroe della Coppa del Mondo 1986 dell'Albiceleste Diego Maradona, morto per un attacco di cuore lo scorso novembre a 60 anni. "Maradona era il miglior calciatore del mondo. Dico sempre che una cosa che manca nel mio curriculum è di non aver allenato Maradona e Messi", ha detto Scolari. "Ho potuto lavorare con grandi giocatori come Cristiano Ronaldo, Rivaldo, Ronaldo, Figo. Sono stati fantastici. Ho conosciuto Maradona in Inghilterra. Abbiamo parlato di giocatori e nazionali. Cosa ho provato? Una cosa che sentivo era il rispetto per lui".

Sulla possibilità di allenare Messi per un giorno, Scolari ha dichiarato: "Supererebbe la gioia di tutti i miei titoli e farebbe molta differenza nella mia carriera gestirlo". Scolari ha avuto periodi di successo alla guida di squadre tra cui il cinese Guangzhou Evergrande, in tre diversi continenti. Come capo allenatore della nazionale, ha vinto la Coppa del Mondo con il Brasile nel 2002 e ha portato il Portogallo alla finale di Euro 2004.