Calcio: Stramaccioni, 'binomio Conte-Marotta timbro d'autore su scudetto'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 3 mag. (Adnkronos) – "Il binomio Conte-Marotta è un timbro d'autore, perchè Conte è un allenatore particolare che ha bisogno che si creda in lui. L'Inter ha avuto momenti di grande difficoltà con l'eliminazione prima dalla Champions e poi dall'Europa League e il punto più basso toccato nella serata dello Stadium dove è stata eliminata anche dalla Coppa Italia. In quel momento si è visto quanto la società e il gruppo proteggesse il lavoro dell'allenatore, perchè lì si poteva anche sbandare. Ma la bravura di uno dei condottieri italiani migliori come Conte, insieme alla solidità della società e a un direttore come Marotta che conosceva molto bene il tecnico, insieme al lavoro anche di Ausilio, hanno fatto la differenza". Lo ha detto l'ex tecnico dell'Inter, Andrea Stramaccioni all'Adnkronos, sul 19esimo scudetto conquistato dai nerazzurri.

"Conte ha dato la sua impronta nel modo di giocare, ma anche nella forza di esser riuscito ad avere i giocatori giusti. Ha avuto quello che voleva per giocare il suo calcio da cui non si è discostato neppure quando l'Europa sembrava averlo ridimensionato. L'anno prossimo la sfida più grande sarà avere un rendimento diverso nell'Europa che conta perché in Champions non è andata bene, ma tanti cicli sono iniziati con una solidità nazionale. Il primo passaggio è l'acquisizione di una leadership italiana e poi sicuramente si può alzare l'asticella anche in Europa", ha aggiunto Stramaccioni.

"Come migliorare questa Inter? Meglio prendere un giocatore che è oggettivamente in grado di portare un valore assoluto, come ad esempio Kantè. Anche per la filosofia dell'Inter di Conte che punta molto su un gruppo ristretto di giocatori", ha spiegato l'ex tecnico nerazzurro.