Calcio: Studio tedesco, rischio di contagio da covid in una partita è bassissimo

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Francoforte, 2 nov. (Adnkronos) – Il rischio di contagio del coronavirus in una partita di calcio è molto basso, secondo uno studio pubblicato oggi dal medico della squadra di calcio tedesca Tim Meyer. "Le attività sportive all'aperto, anche quando comportano un contatto, comportano un rischio di contagio molto basso e sono quindi un'opzione molto sicura per praticare sport e fare esercizio durante la pandemia", ha affermato Meyer in una nota della Federcalcio tedesca (Dfb).

I dati dello studio, condotto in collaborazione con Florian Egger, dell'Istituto di Medicina dello Sport e della Prevenzione dell'Università del Saarland, si riferiscono però a un periodo in cui la variante Delta è diventata la variante virale predominante solo verso la fine. "Al fine di garantire il funzionamento degli allenamenti e delle partite di calcio, le misure igienico-sanitarie possono quindi essere limitate solo a situazioni al di fuori del campo di gioco", ha affermato l'esperto, che è anche direttore della commissione medica della Dbf.

I ricercatori hanno raccolto dati da 104 partite e sessioni di allenamento tenutesi tra agosto 2020 e marzo 2021 e alle quali ha partecipato almeno un giocatore contagiato dal coronavirus. In due casi non è stato possibile escludere del tutto la trasmissione della malattia sul campo di gioco. Ma potevano esserci anche altre possibilità, ad esempio un viaggio di gruppo in autobus senza mascherina protettiva, che sono state indicate dalle persone colpite come probabili vie di contagio. Secondo lo studio, anche l'analisi dei video delle partite e degli allenamenti esaminati ha mostrato che i contatti legati al contagio in campo erano rari e di solito duravano meno di tre secondi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli