Calcio, Uefa abolisce regola del gol in trasferta da tutti i tornei per club

·1 minuto per la lettura
Il trofeo della Champions League, in mostra durante la finale all'Estadio do Dragao in Porto, in Portogallo

(Reuters) - La Uefa ha annunciato di aver approvato una proposta volta ad abolire la regola del gol in trasferta per tutte le competizioni per club, che siano maschili, femminili o giovanili, a partire dalla fase di qualificazioni della stagione 2021-22.

La regola del gol in trasferta, introdotta dalla Uefa nella stagione 1965-66, è applicata in caso di parità di reti segnate nelle due gare di andata e ritorno nei turni a eliminazione diretta, decretando vincitrice la squadra che ha segnato più gol in trasferta.

La regola è finita però sotto esame durante la scorsa stagione, quando alcune partite si sono tenute in stadi senza spettatori a causa della pandemia di Covid-19.

In sostituzione della regola, per determinare la squadra vincitrice verranno introdotti due tempi supplementari di 15 minuti alla fine del match di ritorno, seguiti da calci di rigore nel caso in cui le due squadre dovessero essere ancora in parità.

Spiegando la decisione il presidente della Uefa, Aleksander Ceferin, ha detto: "L'impatto della regola viene ora meno al suo proposito iniziale e dissuade le squadre ospitanti -- specialmente nell'incontro di andata -- dall'attaccare, poiché temono che concedere un gol possa dare alla squadra avversaria un vantaggio cruciale.

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli