Calcio: 'The United Way', la storia dei red devils in un docufilm su Sky (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Il club inglese, capace di rinascere dalle proprie ceneri come l’Araba Fenice, riesce ad affermarsi in campo internazionale, nel 1968, dieci anni dopo quel tragico incidente, vincendo la Coppa dei Campioni, prima squadra inglese a riuscire nell’impresa. A fare le fortune dei Red Devils il fenomenale trio di attacco composto da George Best, Bobby Charlton e Denis Law.

Un salto temporale ci porta poi al 1992, l’anno del passaggio di Éric Cantona dal Leeds United al Manchester United. Sotto la gestione di sir Alex Ferguson, in carica dal 1986 al 2013, il campione francese riesce a fare la differenza, abbinando però genio e sregolatezza, una caratteristica quest’ultima che lo porta il 25 gennaio del 1995 a sferrare un colpo di kung-fu a un tifoso del Crystal Palace, reo di averlo offeso dagli spalti. Un episodio che costa a Cantona una condanna per aggressione (due settimane di carcere la pena poi convertita in 120 ore di servizio sociale) e la sospensione dall’attività agonistica di nove mesi. Un periodo buio da cui però il campione francese esce più forte di prima, rinverdendo negli anni successivi la tradizione di successi del Manchester United.

Ma è nella stagione 1998/1999, che il Manchester United compie la sua più grande impresa, vincendo nella stessa stagione la Premier League, la F.A. Cup e la Champions League. In particolare, lo United riesce a vincere la massima competizione internazionale in una epica finale contro il Bayern Monaco, segnando i due gol decisivi nei tre minuti di recupero.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli