Calcio: Xavi, 'torno a casa in un momento difficile ma dobbiamo tornare a essere i migliori'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Barcellona, 8 nov. – (Adnkronos) – Dopo l'esonero di Ronald Koeman e il breve interregno di Sergi Barjuan, nella giornata di lunedì è iniziata ufficialmente l'avventura di Xavi come nuovo allenatore del Barcellona. L'ex leggenda del club blaugrana è ritornata a casa ed è stata presentata al Camp Nou, alla presenza anche del presidente Joan Laporta. Queste le prime parole di Xavi: "Sono molto emozionato per come mi hanno accolto i tifosi. Ho voglia di iniziare. Torno a casa in un momento difficile, sia sul piano economico che quello sportivo, ma la voglia e l'ambizione devono farci risalire. Voglio trasmettere positività: noi siamo il Barça e dobbiamo cercare di essere il miglior club del mondo. Dobbiamo moltiplicare gli sforzi per 10, ci vogliono lavoro e rispetto".

Xavi ha proseguito, parlando del paragone che gli viene fatto con Guardiola: "Dobbiamo lavorare sodo fin da domani, bisogna far capire ai giocatori che siamo il Barça. I tifosi mi ha fatto venire la pelle d'oca. Essere paragonato a Guardiola è già un successo, per tutto quello che ha dato al calcio e al Barça. Per me è il miglior allenatore del mondo e qualsiasi confronto adesso non va bene. Saranno i risultati a dire se faremo bene o meno, per me è comunque un successo essere paragonato a lui".

Inevitabile non parlare di Leo Messi, che ha avuto un contatto in questi giorni proprio con Xavi: "Mi hanno scritto tutti, da Eto'o a Ronaldinho fino a Messi. Mi ha mandato un messaggio e mi ha augurato buona fortuna. Abbiamo scherzato, gli auguro il meglio; è il miglior giocatore della storia di questa società, ma ormai è andato. Abbiamo altri giocatori e dobbiamo lavorare con loro".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli